Categorie
Che cos'è...?

L’analisi del settore arredamento evidenzia perché potenziare la vendita online

Le analisi sul settore arredamento negli ultimi tre anni evidenziano una crescita importante, soprattutto per quanto riguarda le vendite online. Il trend per il 2019 si prospetta roseo e fiorente, in particolar modo per quelle aziende che sapranno riorganizzarsi aprendosi al Web e investendo risorse nei Social Media.

Il mercato online si sta impadronendo di una fetta sempre più consistente delle spese degli italiani. Questo sebbene l’Italia sia ancora distante da altre nazioni europee in cui la vendita online va davvero forte, come Francia, Germania e Regno Unito.

L’andamento della vendita online di arredamento e di design degli ultimi anni mostra una forte crescita, che quasi raddoppierà il suo volume nel corso del 2019.

Tuttavia, al momento, il 73% degli acquisti sono stati effettuati dai primi 20 venditori. Per questo chi intende crescere e prosperare deve cavalcare l’onda del web e inserirsi nei nuovi processi d’acquisto.

vendita online arredamento design

L’analisi del settore arredamento nel 2017 e 2018

Il settore dell’arredamento in Italia annovera 29 mila aziende, che comprendono sia la produzione che il commercio. Quasi la totalità di queste aziende sono di piccola e media grandezza. Solo una ventina di aziende supera i 100 milioni di fatturato.

Dal 2014 al 2016 il fatturato medio delle imprese italiane di arredamento è cresciuto del +5,7%, un tasso quattro volte superiore alla media delle imprese italiane. Questo dato si attesta più o meno invariato nel 2018, dato che il fatturato è cresciuto del 2,1%.

Considerate però che le 15 maggiori aziende sono cresciute da sole del 7%. Quindi la maggior parte del mercato è tirata da pochissime aziende.

Da anni analisti e banche auspicano un consolidamento del settore. In realtà le imprese dell’arredo continuano a vivere beate nella loro dimensione medio-piccola.

Pochi, però, potranno continuare a navigare come lussuosi yacht che non sentono la necessità di affrontare il mare aperto. L’allargamento dei mercati, soprattutto l’apertura alla Cina, che sta raddoppiando le vendite, necessiterà organizzazioni logistiche e commerciali incompatibili con le piccole realtà.

Trend arredamento 2019

Le analisi per il settore dell’arredamento prevedono per il 2019 una crescita del +5-7% nel fatturato medio.

Buona parte verrà dall’export, soprattutto verso America e Asia, e dallo sviluppo del settore e-commerce. I dati sugli anni passati possono aiutarci a capire il perché.

Nel 2016 la vendita online di arredamento di design ha generato un fatturato di 669 milioni di euro. Nel 2017 siamo saliti a 847 milioni, mentre nel 2018 abbiamo raggiunto 1,4 miliardi di euro.

Per il 2019 si prevede di raggiungere i 2 miliardi di euro.

La crescita della vendita online nell’arredamento e nel design è esponenziale. La fetta del mercato che interessa gli e-commerce si sta allargando sempre più. Ecco perché è fondamentale per le aziende aprirsi a questa sempre più considerevole opportunità di guadagno.

Cosa devono fare le aziende per rimanere al passo con i tempi?

A rivoluzionare il mercato globale e il modus operandi del consumatore è stata la digital disruption, cioè il profondo cambiamento causato dall’avvento di internet e degli smartphone.

Fondamentale per continuare a prosperare è l’adattarsi all’evolversi dei tempi, non rimanendo indietro rispetto al cambiamento, ma cavalcandone l’onda.

Le aziende di oggi devono accompagnare il consumatore nel nuovo processo di acquisto, che non prevede più il solo canale della vendita in negozio. Il nuovo processo di acquisto interessa una dimensione di omnicanalità: dal web ai Social Media, dal negozio all’acquisto online.

E’ importante essere presente in ogni canale: mantenere il punto vendita per chi vuole vedere e toccare con mano; curare il sito web per renderlo un e-commerce oppure un sito vetrina, con immagini accattivanti del prodotto e descrizioni complete; investire nei social media offrendo contenuti di qualità per accrescere l’immagine del brand e fidelizzare il cliente.

Perché le aziende più grandi non hanno siti e-commerce?

Se aprirsi al mercato online è un passaggio obbligatorio, allora perché le aziende più grandi continuano a vendere solamente nei loro punti vendita?

La verità è che i grandi brand possono permetterselo. Il loro nome è forte perché è conosciuto da tutti ed è sinonimo di eccellenza. Ne consegue che chi vuole i loro prodotti ha una valida motivazione per recarsi nei loro punti vendita.

Non aprirsi ai mercati online è per le grandi aziende una strategia per tutelare il loro punto di forza, ovvero il loro brand.

Tuttavia, questo non significa che non si siano adeguati al nuovo processo di acquisto del consumatore. Al contrario. La loro presenza nei Social Media occupa una grande parte delle loro strategie di marketing, volte a consolidare il brand. Allo stesso modo i loro siti, sebbene non siano e-commerce, sono però innovativi e pensati a su misura per il consumatore.

Smart e user friendly, sono perfette vetrine dei loro prodotti, che vengono mostrati con immagini realistiche e descrizioni allettanti. Il divano o la cucina che vuoi acquistare si materializzano sotto i tuoi occhi, scegliendo con un clic del mouse la combinazione, il tessuto e il colore che preferisci. Le grandi aziende sono perfettamente consapevoli che devono offrire ai loro clienti un’esperienza online di valore. Infatti, il consumatore di oggi, prima di acquistare cerca, guarda e sceglie dallo schermo.

acquistare online

E tu, che cosa vuoi fare per la tua azienda? Stai muovendo i primi passi verso la vendita online?

Se hai bisogno di una panoramica più ampia sull’andamento del settore arredamento, online e non, scarica il nostro report sull’analisi del settore arredamento per gli anni 2017 e 2018 e il trend per il 2019. L’abbiamo redatto basandoci su diverse fonti affidabili.

Troverai tanti dati interessanti che ti potranno essere utili per costruire la tua strategia futura per incrementare il fatturato. Mi raccomando, facci sapere cosa ne pensi! Per noi la tua opinione è fondamentale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *