Categorie
How to

Come lucidare il parquet

La lucidatura fa parte della manutenzione ordinaria del parquet. Come fare per lucidare il parquet da soli, senza la lucidatrice? Continua a leggere.

 

Il parquet è il preferito da tutti: bello, elegante, caldo e comodo. Tuttavia richiede una certa manutenzione per mantenere il suo aspetto a lungo. Il parquet va lucidato almeno tre volte l’anno, altrimenti incomincerà ad opacizzare.

Il parquet ha fisiologicamente bisogno della cera, che gli permette di rimanere impermeabile all’umidità ed evitare quindi lo screpolarsi nel legno.

Esistono anche altre sostanze, oltre alla cera, che si possono utilizzare per lucidare il parquet. Scopriamo quali.

come lucidare il parquet

Come fare per lucidare il parquet da soli

Prima di lucidare il parquet, bisogna provvedere alla sua corretta pulizia.

La prima fase è quella di raccogliere tutta la polvere, con uno swiffer o con un aspirapolvere.

A questo punto procediamo con il lavaggio, utilizzando solo i detersivi specifici per il parquet, e strizzando bene lo straccio, in modo da non utilizzare acqua in eccesso.

I pavimenti in legno non amano l’eccesso d’acqua, che potrebbe infilarsi nelle fessure tra un listello e un altro e farlo gonfiare.

Solo a questo punto possiamo passare alla vera e propria lucidatura, che si differenzia a seconda della tipologia di parquet.

In commercio, infatti, non esiste una sola tipologia di parquet. La cosa migliore è informarsi presso il rivenditore sul metodo di pulizia adatto.

In generale possiamo dire che per i parquet senza verniciatura, ormai rarissimi in commercio, è meglio utilizzare olii naturali al posto della cera.

Mentre per i parquet con verniciatura sintetica si può acquistare della cera per il legno.

Entrambe le sostanze vanno diluite con acqua e passate sul parquet con un panno morbido per ottenere un effetto lucido.

come lucidare il parquet senza lucidatrice

Come lucidare il parquet verniciato

Un parquet verniciato, o prefinito, deve essere lucidato con prodotti a base di cere, che vanno sciolte in acqua e applicate con un panno sul pavimento.

L’ideale sarebbe utilizzare un panno in microfibra per la stesura della cera.

Una volta che la cera è asciutta, si procede alla lucidatura con un panno in cotone o una macchina lucidatrice a spazzole.

Molto apprezzati negli ultimi anni sono i prodotti a base di cera d’api e resine di origine vegetale, che sono quindi di origine naturale.

come lucidare il parquet graffiato

Come lucidare il parquet a olio

Il parquet rifinito ad olio va lucidato con olio per parquet, che si deve distribuire seguendo le venature del legno con un panno in microfibra. Una volta che il pavimento risulterà asciutto, si completerà la lucidatura passando sul pavimento un panno di lana pulito.

Come lucidare il parquet senza cera

Sei un’amante dei metodi di pulizia naturali e preferisci non utilizzare le cere industriali, che si acquistano al supermercato?

Di seguito troverai qualche metodo 100% naturale per lucidare il parquet.

Olio di oliva e limone

  • 100 cl di olio di oliva
  • 30 cl di succo di limone

Mescolare i due ingredienti e inserirli in uno spruzzino.

Spargere il prodotto a terra per poi strofinare con un panno in microfibra asciutto.

Cera naturale fai da te

  • un bicchiere di olio di lino
  • 10 gocce di succo di limone
  • 2 cucchiai di cera d’api in scaglie
  • qualche goccia di olio essenziale in una fragranza a vostra scelta

Sciogli la cera d’api in scaglie a bagno maria insieme all’olio di lino e il limone. Una volta che il composto è pronto, aggiungi le gocce essenziali.

Quando la soluzione si raffredda, si otterrà un prodotto dalla consistenza solida da spalmare direttamente sul pavimento come se fosse un sapone, strofinando poi con l’aiuto di un panno umido.

Il sapone nero

  • due cucchiai di sapone nero
  • 10 L di acqua

Il sapone nero viene da una cittadina del sud del Marocco, Essaouira.

Le sue proprietà sono particolarmente apprezzate per la pulizia e manutenzione del legno. Per questo motivo viene utilizzato per la pulizia del parquet, di qualsiasi tipo esso sia.

Diluiscine due cucchiai in dieci litri di acqua, e utilizza uno straccio in microfibra per il lavaggio, ovviamente ben strizzato.

Vedrai che il tuo parquet risulterà visibilmente nutrito e più bello.

Aceto bianco

  • 100 ml di aceto
  • 1 L di acqua

L’aceto è uno dei prodotti più utilizzati da sempre nelle pulizie di casa. Le sue proprietà igienizzanti e lucidanti sono infatti ben note.

L’aceto si può utilizzare, tra i vari impieghi, anche per la pulizia del parquet. Va sempre diluito con acqua in una proporzione di 1/10.

Il risultato è un pavimento brillante e lucido.

come lucidare il parquet

Come lucidare un parquet graffiato

Una casa non è un museo ma un luogo che si vive attivamente, e come tale si rovina e si consuma. Compreso il parquet. Per quante accortezze si possano avere per mantenerlo in buone condizioni, può capitare che si graffi e con il passare degli anni presenti i segni dell’usura.

Per lucidare un parquet graffiato serve la lucidatrice. La prima fase consiste nel passare la cera solida sul parquet per riempire i solchi, lasciarla riposare per 24 h e poi passare la cera liquida per rifinire il lavoro.

Olio di lino contro l’invecchiamento

Sempre per gli appassionati di rimedi naturali, forniamo una soluzione più green per ravvivare un parquet graffiato.

Gli ingredienti sono l’olio di lino e l’acquaragia.

Il processo durerà tre giorni ed è diviso in tre fasi.

La prima prevede l’utilizzo della stessa quantità di olio di lino e acquaragia, da passare con cura sul parquet con uno straccio in microfibra.

Trascorse 24 ore, si passa alla seconda fase, che prevede la riduzione della quantità dell’acquaragia a un terzo del composto rispetto all’olio di lino.

Dopo aver atteso altre 24 ore si può passare alla stesura del solo olio di lino.

 

Se hai letto questo articolo hai anche tu il parquet in casa. Ogni quanto lo lucidi, e che prodotto utilizzi? Condividere i tuoi metodi può essere utile per chi ci legge.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *